Cosa è WordPress?

Sfondo Wordpress

WordPress è lo strumento più semplice e popolare per creare il sito web o il vostro blog. In effetti, WordPress alimenta oltre il 40.0% di tutti i siti web esistenti in Internet. Sì, più di uno sito su quattro è probabilmente creato con WordPress.

Cosa è WordPress? In parole sempliciè il modo migliore per realizzare un sito web

ARGOMENTI DELLA GUIDA
Logo wordpress

Quali siti posso realizzare con WordPress?

Molti anni fa, WordPress era principalmente uno strumento per creare un blog, piuttosto che siti web più tradizionali. Questo, però, non è più vero da molto tempo. Al giorno d’oggi, grazie alle modifiche al codice del core, così come all’enorme ecosistema di plugin e di temi, con WordPress è possibile creare qualsiasi tipo di sito Web.

Ad esempio, WordPress non solo alimenta un numero enorme di siti e blog aziendali, ma è anche la soluzione più utilizzata per creare un negozio di E-commerce! Con WordPress, potete creare:

  • Siti aziendali
  • E-commerce
  • Blog
  • Portfolio
  • Curriculum
  • Forum
  • Social networks
  • Siti ad abbonamento

Praticamente tutto ciò che vogliate! Grazie ai template e plugin infatti è possibile realizzare qualsiasi progetto vi passi per la mente.

WordPress è un software open source, quindi al giorno d’oggi è realizzato da un’enorme comunità di persone che contribuiscono al suo sviluppo. Ma se dovessimo risalire alle origini di WordPress, il software è nato da una collaborazione tra Matt Mullenweg e Mike Little.

Da allora, Matt Mullenweg è diventato in gran parte il volto di WordPress. Ed è anche il fondatore di Automattic, che è l’azienda che fornisce il servizio di WordPress.com a scopo di lucro.

La storia di WordPress dalla sua fondazione nel 2003 come piattaforma di blogging fino ad oggi è lunga …

Basti dire che WordPress ha fatto progressi e, grazie ai suoi contributor e alla sua enorme community, è diventata la soluzione più popolare per creare qualsiasi tipo di sito web.

Chi Usa WordPress?

WordPress è utilizzato da privati, grandi aziende e chiunque altro nel mezzo! Lo diciamo subito, noi utilizziamo WordPress! Quindi il sito che state guardando in questo momento è fatto con WordPress. Molte altri soggetti ben noti usano WordPress. Ecco alcuni dei nostri esempi preferiti:

whitehouse.gov

E il SEM?

SEM sta per Seach Engine Marketing (marketing attraverso i motori di ricerca) ed è la disciplina più ampia che incorpora la SEO. Il SEM comprende sia i risultati di ricerca a pagamento (in cui è possibile comparire utilizzando strumenti come Google Adwords o Bing Ads, precedentemente noto come Microsoft adCenter) che i risultati organici di ricerca (SEO).

Infatti una strategia SEM completa utilizza sia la pubblicità a pagamento che l’implementazione di tecniche SEO. Una analisi delle parole chiave viene eseguita sia per la SEO che per il SEM, ma non necessariamente allo stesso tempo. SEM e SEO devono essere entrambi monitorati e aggiornati di frequente per adeguarsi all’evoluzione delle migliori pratiche.

In alcuni contesti, il termine SEM viene utilizzato esclusivamente per indicare la pubblicità pay per click, ma sarebbe più corretto chiamare quest’ultima SEA, ovvero Search Engine Advertising (vedi paragrafo successivo).

Differenze tra SEA e SEO?

Una importante distinzione doverosa è quella tra search engine optimization e search engine advertising (SEA). La SEO si differenzia dalla SEA in quanto nel primo caso non vi è un pagamento diretto al motore di ricerca per comparire nei suoi risultati. La SEA su Google si effettua attraverso il circuito Google AdWords, la piattaforma che consente di creare campagne di link sponsorizzati, che vengono contrassegnati con la dicitura “Ann.” e sono visualizzati, se presenti, come primi risultati (massimo 4) e ultimi (massimo 3) della pagina.

Il meccanismo di pagamento dei link sponsorizzati è il PPC (pay per clik), cioè l’inserzionista paga una certa somma ogni volta che un utente clicca sul suo link. La somma da pagare, secondo la logica dell’asta, dipende da quanto sono disposti a pagare gli altri inserzionisti, così chi offre di più sarà più in alto nei risultati rispetto a chi offre di meno.

I risultati non a pagamento vengono detti risultati “puri” o “organici”, per questo motivo la SEO, che non riguarda i risultati a pagamento, viene anche detto posizionamento puro o organico. SEO e SEA rientrano entrambe nella macro-attività di web marketing detta SEM, ovvero search engine marketing (marketing attraverso i motori di ricerca).

Prenota una consulenza SEO

Il dizionario WordPress

  • SERP: “Search Engine Result Page”, tradotto letteralmente pagina dei risultati del motore di ricerca, è una qualunque pagina di Google che compare dopo che avete inserito il termine o i termini da cercare. L’immagine qui sopra è un esempio di SERP.

  • QUERY: è una qualunque ricerca effettuata sul motore. quando inserite una o più parole nel campo di ricerca di Google, state eseguendo una query.

  • KEYWORDS: “parole chiave” (o chiave di ricerca), sono le parole che inserite nel campo di ricerca quando eseguite una query. Per keyword si intendono non soltanto singole parole ma anche stringhe di testo, ad esempio la ricerca “web marketing Bologna” è una keyword.

  • ROBOT: (detto anche spider o crawler), è il software che i motori di rierca utilizzano per analizzare tutti i siti della rete in modo automatico. I robot girano continuamente per scandagliare tutta la rete, passando di pagina in pagina per mezzo dei link. Effettuano una copia testuale di tutti i documenti visitati e li inseriscono in un indice (vedi indicizzazione). Il robot di Google si chama Googlebot.
  • RANKING: è la classifica dei risultati rispetto ad una determinata query. Quando inseriamo una keyword, il motore di ricerca restituisce una SERP di risultati ordinati in base alla pertinenza dei documenti indicizzati rispetto a tale parola chiave. Ranking è inoltre sinonimo di posizionamento (vedi), in ambito SEO si dice “fattore di ranking” un qualunque elemento, interno o esterno al sito, che influenza la posizione in classifica.

  • OTTIMIZZAZIONE: in ambito SEO, ottimizzare significa facilitare il più possibile il lavoro dei robot, fornendogli contenuti facilmente accessibili e rendendo più facile la comprensione da parte del software dell’argomento trattato dal documento.

  • POSIZIONAMENTO: consiste nel migliorare la posizione di un sito/pagina web nel ranking dei motori di ricerca in relazione a determinate keyword. Il posizionamento (o il miglioramento di esso) è la conseguenza naturale dell’ottimizzazione.